Da grande sarò Toni Morrison

Chloe Anthony Wofford è nata il 18 febbraio 1931 a Lorain, in Ohio, da una famiglia originaria dell’Alabama, abbastanza numerosa e che faceva parte della classe operaia.
Pur non vivendo la situazione più favorevole del mondo, perché non era maschio, non era bianca e non era ricca, ha comunque avuto l’opportunità di coltivare la sua sconfinata passione per la letteratura, laureandosi in Letteratura Inglese nel 1953 alla Howard University.

Una volta entrata nell’ambiente accademico, decise di non lasciarlo più, come il mondo della letteratura, che divenne il suo lavoro oltre che la sua arma principale per raccontare la storia e la realtà del popolo afroamericano, assumendo così un ruolo fondamentale per l’affermazione sociale dei neri negli Stati Uniti in un periodo nel quale essere nero (e, soprattutto, nera) in America non era affatto facile.

Dopo aver curato la pubblicazione di autori afroamericani del calibro di *rullo di tamburi* Angela Davis *mic drop*, iniziò lei stessa a scrivere e parlare di bambine nere che sognavano gli azzurrissimi occhi di Shirley Temple, di donne dai caratteri più svariati, di schiave che uccidono le proprie figlie per sottrarle al destino infausto che era toccato loro, compiendo anche opere di ricerca e narrazione di dimensioni incredibili. Tra gli esempi più eclatanti, sicuramente l’antologia “The Black Book” fu in grado di racchiudere ben trecento anni di storia afroamericana e il romanzo Paradiso, che ne racconta due secoli.

Come se tutto ciò non bastasse, tra un Nobel per la Letteratura e un Pulitzer, Toni Morrison (pseudonimo con il quale è conosciuta), insegnando nelle più prestigiose università statunitensi e continuando a raccontare la perdita di identità delle comunità afroamericane a causa dell’oppressione e del razzismo, arrivò, nel 2012 a ricevere la Medaglia Presidenziale della Libertà, da parte di quel Presidente che aveva apertamente e così fortemente sostenuto.

Per concludere, niente data, luogo e causa di morte: siamo così fortunat* da vivere nella sua stessa epoca!

La Mucca Intellettuale

Sono La Mucca Intellettuale: ho 23 anni, ma ne dimostro 15, ho dei bellissimi occhiali arcobaleno che si appannano in ogni circostanza e sono troppo bassa per essere vera. Sono una studentessa e un’apprendista psicologa: sogno di studiare sessuologia per portare consapevolezza nelle scuole di tutto il mondo e di diventare la nemica numero 1 dei genitori anti-gender. Sono bisessuale e mi piace dire che esisto.

Rispondi